Tuttomondo (con le nostre parole)

Racconto del murale Tuttomondo di K. Haring e interpretazione nella lingua dei segni
Un Piccolo Bimbo era tra le braccia della sua mamma tentava di sporgere la testa per vedere che cosa lo circondava, ma era proprio il corpo caldo e accogliente della sua mamma.
Sembrava davvero curioso e ben presto imparò a gattonare; un pomeriggio la mamma lo accompagnò allo zoo e si trovò a faccia a faccia con un simpatico esserino che lo divertì, ma chi era? Anche durante le vacanze estive al mare, vide volare sull’acqua uno straordinario Delfino mentre faceva una gara con un bianchissimo Uccello dalle lunghe ali: il gabbiano gli strizzò l’occhiolino e il bambino sorrise perché adorava gli animali ed era contento che vivessero insieme agli uomini. Il suo preferito era il Cane che era proprio il suo grande amico: lo accompagnava a passeggio, gli riportava il bastone e insieme a lui giocava. Se invece il tempo era brutto il piccolo bambino stava in casa e qualche volta guardava la Televisione: anche quella gli piaceva e quel piccolo schermo lo accompagnava in viaggio dappertutto anche se fuori pioveva.
Il Bambino cresceva curioso e scoprì tanti modi per divertirsi da solo o con altri bambini, ma la cosa che gli piaceva proprio tanto era ballare e contorcersi.
Appena cominciò ad andare a scuola, il bambino incontrò nuovi e vecchi amici con i quali imparava, studiava, dipingeva e giocava, tranne qualche volta: infatti capitava anche di litigare e certe volte volavano spintoni, parole poco carine e smettevano i sorrisi.
Ecco! Quei momenti non gli piacevano mica tanto perché lo facevano stare male, doveva scusarsi e avrebbe voluto che le cose andassero meglio per sé e per gli altri.
Crescendo il bambino capì che poteva anche lui migliorare, così pensò a come poteva fare: gli venne in mente che crescere era proprio strano, quindi come sarebbe diventato da grande? Beh, era sempre curioso come quando era appena nato, perciò voleva scoprire il mondo, magari dipingere, oppure pensava di parlare con gli animali. Era curioso di tutto e non sapeva decidersi, perciò cominciò un viaggio; conobbe nuove città, faticò e imparò diversi lavori, incontrò nuove persone e…soprattutto fece conoscenza con una persona davvero speciale, per lui la più importante.
Da quell’incontrò passò del tempo e il Bambino ormai cresciuto un giorno vide un piccolo bimbo che provava a sporgersi dall’abbraccio della sua mamma. Si avvicinò ai due e sorrise: quel piccolo era suo figlio e gli assomigliava, così gli sussurrò: “ Seguimi, vieni con me per tutto il mondo”.

 

0 Commenti

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un tuo commento

 
 




 

Categorie

Foto recenti

Calendario 2017

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Contattore





 
Loading...
Facebook Messenger for Wordpress